Home > Bellezza, Benessere, Dermatologia, Prevenzione > Cos’è l’eritema solare e come si può curare

Cos’è l’eritema solare e come si può curare

10 giugno 2010 di: Redazione



eritema solare Cos’è l’eritema solare e come si può curareEritema è un termine che definisce un arrossamento cutaneo che è dovuto ad un eccessiva dilatazione di vasi sanguigni, soprattutto dei capillari localizzati sul derma, strato mediano della nostra pelle posizionato tra l’epidermide e lo strato basale della cute.

In genere l’eritema può scatenarsi per diverse cause:

  • Cause di origine fisica: calore eccessivo o eccessiva esposizione alla luce solare
  • Chimiche: la pelle entra in contatto con sostanze urticanti
  • Infettive: micosi, malattie esantematiche
  • Emotive: momenti di imbarazzo (anche il rossore delle gote è un particolare e temporaneo eritema)
  • Reazioni a farmaci o cosmetici
  • Squilibri ormonali o vitaminici
  • Reazioni allergiche

L’eritema solare in particolare è ovviamente una reazione abnorme dei vasi del derma ad un’eccessiva esposizione al calore solare.

Come si manifesta l’eritema solare

La parti del corpo sottoposte ad eccessiva esposizione ai raggi solari, dopo sei otto ore presentano un arrossamento cutaneo e la temperatura della parte interessata si presenta al tatto molto calda.

La sintomatologia è associata anche ad un fastidioso prurito e la pelle si presenta a buccia d’arancia.

Tale sintomatologia regredisce spontaneamente in genere in una settimana senza esposizione ai raggi solari congiuntamente ad un’esfoliazione cutanea.

Se invece l’esposizione solare viene prolungata nonostante l’insorgenza dell’eritema, si può andare incontro ad una sintomatologia più severa con la formazione di vescicole, bolle, edema massivo ed una sensazione molto forte di bruciore che sconfina nel dolore.

Come si cura l’eritema solare

La cura farmacologia di eritema solare si effettua solo sotto prescrizione e controllo medico con creme a base di cortisone e/o, a seconda della gravità, con terapia sistemica (compresse) sempre a base di cortisone.

Per i casi meno eclatanti e più semplici si possono utilizzare dei sistemi naturali supportati dalle attuali conoscenze mediche. Quindi lasciando da parte olio di oliva e altri rimedi della tradizione, si può utilizzare l’amido, antinfiammatorio naturale, sulla parte arrossata, per lenire prurito e bruciore.

Come dice il prof. Di Pietro, dermatologo, un impacco a base di pane bagnato dentro un canovaccio di lino o cotone bianco, ovviamente nei casi meno gravi, ed una limitata esposizione al sole soprattutto nelle ore più calde, possono aiutare a risolvere il problema.

Attenzione l’eritema può anche venire in montagna e non soltanto al mare:

Più in alto si và più i raggi solari sono efficaci.

tabella raggi.uv  Cos’è l’eritema solare e come si può curare






Bellezza, Benessere, Dermatologia, Prevenzione ,


CONDIVIDI
 
  1. Luana
    14 marzo 2011 a 12:07 | #1

    Salve,
    oggi è possibile prevenire l’eritema solare oppure proteggersi durante le cure farmacologiche indossando gli indumenti a protezione UV. Ci sono aziende molto specializzate che trattano questi prodotti, prodotti innovativi che si rivelano particolarmente utili nel caso in cui non si vada molto “d’accordo” col sole… Io personalmente ho provato un cappello della Coolibar, che presenta un fattore di protezione upf 50+, cioè scherma il 98% dei raggi uv e mi sono trovata molto bene. Consiglio questo abbigliamento come complemento alle utili creme solari.

  2. 7 luglio 2011 a 8:37 | #2

    Dopo un’esposizione al sole troppo prolungata e senza nessun tipo di protezione eccoti l’eritema solare!!prurito snervante e bruciore. La notte nn si dorme e il giorno finisco tubetti di creme e acqua rinfrescante. Ho provato pure il cortisone, niente…risultato? Prurito e bruciore ancora più snervante visto i soldi spesi e i risultati zero.
    Stamani sono andata al pronto soccorso.Un uomo con un sorriso a 32 denti molto rassicurante mi ha dato la risposta al mio fastidioso problema:”aiutati che Dio ti aiuta”.Silenzio e rassegnazione.benvenuta estate!!!

  3. gianna
    13 agosto 2011 a 7:48 | #3

    ciao,
    vecchio rimedio infallibile conosciuto e tramandato da pescatori:
    prendere un pomodoro,nè troppo maturo nè acerbo, tagliarlo in 2 e passarlo sull scottatura solare. Il liquido di vegetazione aiuta a lenire. L’ho usato immediatamente ed è ok e poi ho utilizzato valido doposole.

  4. gianna
    13 agosto 2011 a 7:49 | #4

    ciao,
    vecchio rimedio infallibile conosciuto e tramandato da pescatori:
    prendere un pomodoro,nè troppo maturo nè acerbo, tagliarlo in 2 e passarlo sulla scottatura solare. Il liquido di vegetazione aiuta a lenire. L’ho usato immediatamente ed è ok e poi ho utilizzato valido doposole.

  5. Xara
    16 novembre 2012 a 9:59 | #5

    Basta seguire queste semplici regole sulla protezione solare per evitare problemi alla pelle.

  1. Nessun trackback ancora...
.